,

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -

lunedì 19 novembre 2012

Pertanto si naviga a vista!



Ormai si respira aria di elezioni, e noi poveri cittadini come nel “Deserto dei Tartari” di Buzzati aspettiamo, come il tenente Drogo l’arrivo dei Tartari,  metafora dei programmi elettorali. 

Un farsa tragicomica,  che vede i partiti sostenere che altri li sostengono, pur di racimolare voti, mentendo e ingannando gli elettori ancor prima  del  voto, in un continuo fraintendimento e confusionario prospettare delle cose.
Giustamente alcuni sostengono che i programmi non servono a nulla, ben lo si è visto con Berlusconi che dopo la scenografica firma in TV dell’impegno verso gli Italiani nulla ha mantenuto. 
Pertanto si naviga a vista!
Certamente alcuni punti, specie sulla sussidiarietà, la non trasparenza, la corruzione, la laicità dello Stato, offrirebbero almeno un quadro d’insieme. 
L’opportunismo politico invece ci insegna che milioni di Cittadini vanno a votare solo per simpatia o per sentito dire, ma soprattutto per voto di scambio, e questo riconduce alla questione se valga o no la pena di votare.
Siamo davanti a presentazioni politiche che hanno più il sapore dell’elezione di "miss Italia" per  la quale tutto è bene , la pace nel mondo e altre generiche affermazioni , questo ci riconduce al senso dii elezioni  basate su consenso suddito non partecipative, ovvero l’espressione della sussidiarietà.
Con le prossime elezione vedremo le masse di zombi recarsi alle urne sicuri di essere dei buoni Cittadini e non incapaci d’intendere e di volere solo per il principio che se non conosci non sai,  una massa di votanti zombi manipolati dai media.
Avanti con il prossimo imbroglio, intento il tempo passa e i soliti stanno sempre bene. (Stipendi dei parlamentari: sì ai tagli ma è un bluff, ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. ecc. ecc.!!!!)

Noi dal nostro piccolo ripetiamo che se si vuole salvare l’Italia bisogna dare un forte segnale al potere e questo forte segnale è non andare a votare se non sappiamo e conosciamo. 
Sapere Aude!