,

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -

mercoledì 2 marzo 2011

MILANO - Sgomberi, Aler e Comune toccano il fondo - Domattina presidio del Comitato Occupanti per Necessità davanti all’ALER di viale Romagna.24-02-2011

Sgomberi, Aler e Comune toccano il fondo


Domattina presidio del Comitato Occupanti per Necessità davanti all’ALER di viale Romagna. Stop agli sgomberi dei meno abbienti, valutazione dei singoli casi con assegnazione regolare ai veri bisognosi.

Domani mattina, dalle 10,00 a mezzogiorno, presidio del Comitato Occupanti per Necessità di Niguarda, davanti alla sede centrale dell’ALER di viale Romagna, 26, con una protesta colorata con cartelli-bersaglio, contro gli sgomberi dell’ultimo periodo.

Gli sgomberi hanno colpito famiglie normali, con bambini piccoli o con sgomberi di malati e anziati, eseguiti brutalmente e senza neanche la presenza dei servizi sociali a tutela di questi ultimi, in mancanza di un titolo esecutivo che ne rendesse legale l’azione, e con l’ausilio di cariche di polizia contro chi protestava, come a San Siro alcuni giorni fa.

Questi atti diventano lo spot elettorale di una giunta e di un’ALER che vogliono far dimenticare che agli inquilini delle case popolari non hanno dato altro che pesanti aumenti di affitti e di spese, mentre migliaia di alloggi restano vuoti perché non ancora messi in assegnazione.

Il “Comitato Occupanti per Necessità”, che si è sempre opposto ad ogni forma di sfruttamento del bisogno altrui, opera a Niguarda, in una zona in cui la situazione è particolarmente difficile, fermo restando che lo stato di necessità di chi occupa nulla c’entra con fenomeni criminale di racket degli alloggi, e che non si può far passare tutti gli sgomberi con motivazioni di ordine pubblico.

La realtà della “lotta all’abusivismo” a Niguarda, è fatta anche da ronde di ispettori che passano in continuazione nelle case preannunciando sgomberi imminenti, con tentativi “convincere” al rilascio spontaneo famiglie già smembrate con minori in comunità, che non riescono a frequentare la scuola, in barba al rispetto per i diritti e la dignità di tutte le persone.

Il Comitato chiede la sospensione degli sgomberi degli occupanti per necessità, e la valutazione della situazione di ogni famiglia occupante, con il rilascio di un contratto a chi ha davvero bisogno, e difende il diritto alla casa, contro guerre tra poveri utili solo a chi pensa i cittadini come sudditi.

Milano, 24 febbraio 2011.

Unione Inquilini - CUB

Confederazione Unitaria di Base
V.le Lombardia, 20 - 20131 Milano
Tel. 02 70631804 - Fax 02 70602409

. .