,

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -

lunedì 28 febbraio 2011

Case sfitte, la giunta nega l’evidenza»

25 febbraio 2011 —   pagina 15   sezione: Cronaca

 La casa cantoniera di via Canaletto Sud era stata occupata dai Collettivi ormai sei anni fa. Allora venne sgomberata dalle autorità adducendo come motivazione l’imminente arrivo di due famiglie che per conto dell’Anas avrebbero provveduto alla manutenzione stradale. Famiglie che, però, non si sono mai viste dato che la minuscola palazzina ha avuto l’accesso murato. Tutto questo è sottolineato da Enrico Semprini, leader del collettivo Prendocasa, un gruppo che svolge principalmente occupazioni di alloggi sfitti a scopo abitativo. “Dopo sei anni - ha detto - la casa è chiusa e ci chiediamo come le istituzioni possano essere credibili. C’è un patrimonio pubblico che viene gestito in modo inaccettabile: i soldi evidentemente ci sono, dato che a Modena si parla sempre di piscine e di varianti da 20 milioni di euro sulla via Emilia. Ma quando i soldi servono per sistemare case per accogliere senzatetto, le risorse non ci sono mai. Nonostante la diffidenza che abbiamo verso le istituzioni, abbiamo chiesto un incontro al sindaco Pighi, agli assessori Poggi e Maletti rispetto alla situazione delle famiglie che attualmente stanno occupando. Se in questo momento si vedono più famiglie straniere è perchè queste non possono poggiare su una rete famigliare capace di aiutarli”.
 Semprini rilancia e bacchetta l’assessore Maletti: “Le famiglie sarebbero disposte a mettere a disposizione la loro forza lavoro per risistemare le case, crediamo possa essere un strada praticabile capace di fornire delle risposte. Attualmente, non capisco come faccia la Maletti a dire che le case non ci sono: noi non facciamo altro che mostrare alla stampa alloggi sfitti o dimenticati”. Nel frattempo, prosegue l’occupazione della ex scuola elementare di Marzaglia da parte di famiglie di metalmeccanici senza lavoro: “L’incontro che chiediamo vuole andare a capire anche quali sono le intenzioni dell’amministrazione su Marzaglia - ha spiegato Semprini - Inoltre, abbiamo chiesto di incontrare anche con il prefetto, visto che il Comune si rifiuta di svolgere la sua funzione: verbalmente avrebbe accettato la richiesta, a livello formale non abbiamo saputo altro”.
-Gabriele Casagrande. .