,

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -

martedì 4 giugno 2013

ninna nanna ninna "O" stò paese a chi lo dò...


Che il popolo sia stato stancato e affamato è evidente, è anche evidente che su questo mondo tutto il potere è in buona e compagnia in barba ad una chiara interpretazione del diritto di sussidiarietà; basta guardare cosa sta succedendo per il clima su questa esasperata inquinata terra per comprendere la distanza tra coloro che governano e coloro che subiscono.


Il nostro paese, fonte di passata saggezza e opportunità (?) per la specie umana, ormai si è perso in una "notte rosa" tutta Fininvest e RAI addormentandosi .
Nelle ultime votazioni le analisi fatte dai padroni forza politica dipendente da lobby riservate e dai suoi lacchè interpreta nella diminuzione del numero dei votanti  tante immaginarie ipotesi cantandocele dolcemente come in una "ninna nanna", scordando che nella realtà alcuni cittadini si possono essere "svegliati" e stufi non hanno semplicemente votato.
Certamente una grande vittoria della Televisione nella ricerca del "condizionamento" di massa, superando la comunicazione internet nella sua auspicata "partecipazione" di massa. Sono momenti che stiamo vivendo in un voluto gigantesco divario digitale che proseguirà sino a quando ii signori del potere non avranno preso possesso dello spazio internet o si illuderanno di averlo in pugno.  Per questa accozzaglia di opportunisti resta il pensare come superare una libera concorrenza straniera e non gli rimane che un unica soluzione predisposta per il caso" la canzone del Piave". Peccato perché quella guerra l'avevamo vinta, con sacrifici disumani per costruire un paese, ora chi pretende di saperci guidare la guerra del futuro se la già persa,  ma pesano  che governando e tacendo possano continuare come se nulla fosse.
Tra qualche giorno le scuole chiuderanno e con le prossime vacanze, tanti la massa si riaddormenterà nella "notte rosa", tutto passerà come da sempre sulle spalle di poveracci, di pensionati ,di lavoratori,   che non riescono ad avere spazio di comunicazione e non lo avranno mai.
"Fortunatamente" c’è nel gioco delle parti è predisposta" la speranza" gratis, anche per chi se la passa peggio.
Complimenti e Grazie!