,

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -

lunedì 22 febbraio 2016

Ben poche volte nella storia del uomo si è avuta la possibilità di analizzare e comprendere l’effettivo stato di coscienza democratica, della ge

Risultati immagini per globalismo

Ben poche volte nella storia del uomo si è avuta la possibilità di analizzare e comprendere l’effettivo stato di coscienza democratica, della  gente formata da una educazione mediatica di massa e, da un insieme di religioni accordate in una varia armonizzazione sull'incertezza del domani di vita o di morte.



La maturità politica democratica la si può semplificare nell'esempio che, se affidi a qualcuno i tuoi soldi la tua vita e se non sei completamente stupido vuoi garanzie e certezze al fine di non essere ingannato, pertanto pretendi analisi e trasparenze, prima, durate e dopo l’investimento.
Questo non avviene nella vita reale quando ci si deve decidere politicamente su chi ci guiderà e assumerà il controllo delle nostre vite,  di fatto svalutando l’importanza di votare ed eleggere chi ci rappresenterà  davanti al mondo. 
Una alta percentuale di persone, quelle votanti, seguono indiscusse emozionalmente i propri pastori mediatici di massa rinunciando ad ogni approfondimento personale ad analisi profonde  capaci: Comportamento che svaluta  il valore della propria vita, demandandola ad altri che lo demanderanno ad altri, con conseguenze già viste e abbastanza prevedibili.
Appare pertanto logico che se ti fidi di coloro che ti indicano la strada virtuale per il post morte ti puoi fidare anche di loro nella vita, dimenticando quanti interessi e coinvolgimenti per opportunità e convenienze possano esistere oltre il bene presunto.
La guerra in medio oriente, le elezioni Americane le elezioni Italiane  ne sono un esempio concreto.
Per gli USA prossimo comprendere quanto poco abbia inciso nel contesto sociale la rivoluzione informatica attraverso la quale si avrebbe la possibilità di un approfondimento certo e analitico dei programmi che la politica ci offre per il futuro. 
Le elezioni in corso per presidente USA avrebbero dovuto fornire analisi e trasparenze capaci di indicare quale strategia il prossimo presidente applicherà.

I cattolici sono come un voto altalenante   hanno sostenuto il presidente Barack Obama nel 2008 e 2012. Essi sostenuto l'ex presidente George W. Bush per la rielezione per un soffio nel 2004, ma è andato per candidato democratico Al Gore nel 2000, secondo il  Pew Research Center. Come i fedeli votato: 2012 Analisi preliminare http://www.pewforum.org/2012/11/07/how-the-faithful-voted-2012-preliminary-exit-poll-analysis/ Diciassette stati hanno popolazioni cattoliche di più di un milione, Florida, Pennsylvania e Ohio hanno ciascuno più di due milioni, secondo i dati Pew. Trenta-sette per cento dei cattolici statunitensi hanno dichiarato di essere repubblicani o appoggiati repubblicano, nel 2014. (Fonte Pew)

La competizione vede per i Democratici il dimenticato Bernard Sanders, detto Berni (spauracchio socialista che pur se “vecchio” il più giovane progressista,  già dipinto dai media come un "candidato mono-tematico", che riconduce tutto al tema delle diseguaglianze sociali e allo strapotere di Wall Street, ma ha poco da dire su altre questioni fondamentali per un futuro presidente come la politica estera. 
L'altro candidato in  contrapposizione mediatica con il Berni  è la Clinton, anch'essa si basa su superficiali affermazioni  ma motiva i propri potenziali elettori sostienendo che gli americani hanno ragione di essere arrabbiati - dice Hillary - ma sono anche affamati di soluzioni, di risposte vere e realistiche ai loro problemi. Non basta avere un piano contro le grandi banche. Non siamo un paese che ha un problema solo. Il ceto medio ha bisogno di più lavoro e più reddito". Purtroppo nessun progetto o Budget consolidato a supporti di slogan che lasciano ampie libertà d’interpretazione future, pare più un gioco di squadra una partita a tennis da tavola per coinvolgere il pubblico pagante con la propria vita.

Poi vi è la Destra i Repubblicani,  che stanno giovando la partita  di tennis da tavola con l’evidenza delle Chiese in America  proiettate in mega chiese “megachurch”,
che hanno nei suoi parroci una guida al voto  come lo si può anche intuire da uno secondo uno studio del 2015   del Nazionale Congregazioni di studio. http://www.soc.duke.edu/natcong/Docs/NCSIII_report_final.pdf . 

La rilevanza della chiesa Cattolica è indiscussa tanto che Il Papa è intervenuto in diversi modi non ultime la guerra di parole intercorse tra  Donald Trump il quale ha detto che era "vergognoso" per Papa Francesco a suggerire che Trump  "non è cristiano" a causa della sua rigorosa posizione in materia di immigrazione, “ che pensa solo a costruire muri, dovunque sia, e non di costruire ponti, non è cristiano", secondo una trascrizione fornita dal Vaticano.  Il che lascia a molteplici disambiguazioni secondo opportunità e interesse da ambo le parti. 
Il Sig. Trump è un presbiteriano, ha ricevuto le approvazioni della comunità evangelica forze dominante specie in Iowa e nella Carolina del Sud, Trump in un comunicato.  E ha subito incalzato la propaganda dicendo: "Sono orgoglioso di essere un cristiano e come presidente non permetterò cristianesimo sia costantemente attaccata e indebolito, a differenza di ciò che sta accadendo ora, con il nostro attuale Presidente." Ed inoltre ha detto che il Messico sta usando il papa come una "pedina".
la retorica Pontificia  a volte apparentemente trascendente le tradizionali divisioni di partiti politici degli Stati Uniti ha avuto quale risultato che: i progressisti hanno elogiato la sua critica della disparità di reddito e le sue chiamate a combattere il cambiamento climatico, mentre i conservatori sociali hanno elogiato le sue prese di posizione contro il matrimonio tra persone dello stesso sesso e,  l'aborto anche se il Papa  Francesco in Vaticano ha dimostrato che è un maestro di piccoli gesti, atti apparentemente spontanei che sono pregne di simbolismi che potrebbero  preannunciare un cambiamento sostanziale nel pensiero cattolico sulla contraccezione - e, forse, un anticipo promettente per la salute globale.
.
Questi momenti di votazione possono far presumere un apertura a livello Globale di una demo-teocrazia  peraltro già ipotizzata direttamente o indirettamente da molti analisti e economisti,  tra cui il Greco Gianīs Varoufakīs, politico nuovo in un contesto globale assopito.
La ricetta è la cultura, questa sarebbe anche la soluzione per avere una costruttiva biodiversità intellettuale che eviti l’appiattimento in corso e, che ha ormai ridotto le capacita intellettuale a minimi indotti dall'impostazione culturale mediatica di massa. 
Il pericolo che si consolidi una sottospecie umana oggi,  già identificabile attraverso la lettura di  un attenta analisi del classismo intuito da Carl Marx ma anche verificabile attraverso un impostazione razziale trasversale pare sempre più evidente, come pare evidente la precarietà della specie umana che, ben si sa che nei casi estremi venendo a mancare una equa evoluzione, ripone la propria forza  nella decadenza e nella autodistruzione. Uno scenario apocalittico che solo chi ora ci sta guidando potrebbe modificare rinunciando al proprio potere almeno in parte per attuare una governace più rispettosa della dignità e dei bisogni delle genti. 
Non basta contenere i greggi di persone queste devono anche avere soddisfatte le proprie aspettative eque e giuste senza sfruttare all'eccesso la speranza quale elemento contenitore.